Presentati a Brgamo “I cicli pittorici”

Bergamo – «I cicli pittorici»: due preziosi opuscoli raccolti in un elegante cofanetto accompagnano il lettore in un viaggio alla scoperta di un patrimonio di cui
è ricco il territorio bergamasco, questi due opuscoli abbracciano il periodo che va dalle origini al Cinquecento: ora si darà mano al secondo cofanetto, che guiderà alla
conoscenza del Seicento e del Settecento.

L’interessante iniziativa, che è anche un intelligente supporto in prospettiva turistica, è stata presentata questa mattina nella sala del Consiglio Provinciale, in via Tasso 8,
dall’assessore alla Cultura, Turismo e Sport, Tecla Rondi, che aveva al suo fianco Fausto Vaglietti, già presidente dell’Associazione Guide Giacomo Carrara di Bergamo; l’attuale
presidente Patt Pacati e le collaboratrici Maria Elena Notari Nardoni e Silvana De Paolis Gibelli.

Tecla Rondi si è felicitata per la realizzazione dei due libretti, che sono il risultato di jn lavoro condotto con interesse, conoscenza e passione. Sono stati scelti e proposti percorsi
che fanno conoscere Bergamo e il suo considerevole patrimonio d’arte nei secoli. E bene ha detto Maria Elena Notari Nardoni insistendo sul fatto che qui siamo davanti a una geografia anche
antropologica di notevole valore, con artisti anonimi, che si innervano con la storia delle comunità che chiamavano pittori e commissionavano incarichi partendo da una volontà e
da una prospettiva di fede, che hanno fatto ricca la Bergamasca.

Dopo Tecla Rondi hanno parlato Fausto Vaglietti e Patt Pacati. Il primo ha ricordato il cammino decennale di fruttuosa collaborazione con la Provincia: da Lotto si è andati avanti con i
Fantoni, i Baschenis, prossimamente i Santacroce. Sono strumenti voluti e realizzati per accendere la curiosità di chi li consulta, con una radiografia che va dalla città alla
Bassa dalle Valli ai Laghi. Patt Pacati ha messo in risalto l’attendibilità e la serietà dei contenuti dei «Cicli pittorici», usati come primo livello di studio in
ambito universitario. Costituiscono un materiale didattico prezioso per tutti, occasione di studio anche per i bergamaschi oltre che per i turisti. Ha auspicato la continuità della
collaborazione con la Provincia. Infine Silvana De Paolis Gibelli ha raccontato alcuni momenti della sua esperienza finalizzata a questa agile guida.

Leggi Anche
Scrivi un commento