Le sfide per la diffusione della pasta nel mondo: tra tradizione e innovazione

Le sfide per la diffusione della pasta nel mondo: tra tradizione e innovazione

L’importanza economica, l’uso e sfruttamento delle proprietà contenute nei cereali, l’evoluzione a partire dalla mezzaluna fertile fino ai giorni nostri, la biodiversità dei cereali
nell’alimentazione umana, con 10 millenni di scoperte, saranno tra gli argomenti del convegno, con uno straordinario parterre di esperti, che si terrà a PastaTrend lunedì 4
aprile
, con inizio alle ore 10,00.

Il professor Andrea Fabbri, ordinario del Dipartimento di Biologia Evolutiva e Funzionale dell’Università di Parma, parlerà della
biodiversità dei cereali, della sua importanza economica, biologica e culturale, e della necessità di garantirla poiché la produzione agraria oggi tende a concentrarsi su
poche varietà più produttive, con il rischio di perdere migliaia di varietà che potrebbero risultare fondamentali nell’adattare l’agricoltura a scenari ambientali, tecnici e
economici che nei prossimi decenni potrebbero mutare profondamente. A seguire il vicepresidente di Italmopa, Paolo Cabrini, parlerà del futuro della
filiera del grano duro e di come coniugare la competitività e la sostenibilità nel garantire la diffusione della pasta.  Il professor Massimo Montanari,
ordinario presso la facoltà di Lettere di Bologna e presso l’Università di Scienze Gastronomiche, concentrerà il suo intervento sulla storia e la tradizione
della pasta nella nostra cultura. Roberto Ranieri, ammistratore di Openfields, per anni responsabile della ricerca Barilla, illustrerà quali sono le sfide
e le opportunità per la diffusione della pasta in un mercato mondiale in continua inarrestabile evoluzione, con i paesi orientali in prima fila tra i nuovi consumatori del prodotto
italiano per eccellenza. Il suo intervento sarà seguito da quello di Paolo Beltrami, di Onemedit, che parlerà dell’evoluzione del mercato della
pasta all’estero.  Francesco Pugliese, direttore generale di Conad, parlerà della pasta vista dall’osservatorio della grande distribuzione, di cui la
sua azienda è una protagonista.

Leggi Anche
Scrivi un commento