Formazione: progetto di riabilitazione integrata a Montecatone

Emilia Romagna – Sistemi informatizzati uniti ad azioni di accompagnamento capaci di favorire l’inclusione sociale e lavorativa delle persone con lesione midollare: sono queste le linee
guida del progetto realizzato dal Montecatone Rehabilitation Institute di Imola nell’ambito della programmazione regionale 2000-2006 del Fondo Sociale Europeo Obiettivo 3.

“L’obiettivo è stato cercare di tradurre le capacità e le attitudini dei singoli pazienti in abilità o competenze e favorire il loro riconoscimento e la loro valorizzazione
da parte dell’ambiente sociale – spiega l’assessore regionale alla Formazione professionale, Paola Manzini – La sperimentazione avviata a Montecatone è partita dal presupposto che, a
sostegno di questi interventi, non potesse che muoversi la rete degli attori coinvolti, a partire dal personale sanitario per arrivare ai territori e alle professionalità che si occupano
della dimensione sociale e lavorativa dei pazienti”.

Il progetto, che sarà presentato nel corso del convegno “Azioni Integrate in Ambito Riabilitativo secondo la Classificazione ICF” (Imola, giovedì 29 novembre), si colloca
nell’ambito dell’asse B della programmazione, asse finalizzato alla promozione delle pari opportunità per tutti nell’accesso al mercato del lavoro, con particolare attenzione alle
persone che rischiano l’esclusione sociale, e fa riferimento al modello biopsicosociale ICF (“Classificazione Internazionale del Funzionamento della Disabilità e della Salute”),
sviluppato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che rappresenta un elemento di grande valore per quanto riguarda la riabilitazione.

Grazie al supporto del sistema informatizzato Checklist Documentation Manager, a Montecatone il modello ICF è stato introdotto non solo in forma teorica, ma soprattutto come
modalità operativa.

I pazienti sono stati coinvolti nelle attività sia come soggetti con i quali sperimentare l’uso della Chek list, sia per realizzare interventi che li supportassero nella progettazione di
un percorso di reinserimento lavorativo. Per una trentina di pazienti si sono realizzati interventi di bilancio di competenze per definire le capacità professionali già possedute
o da implementare.
Altri 59 pazienti hanno partecipato a percorsi di formazione finalizzati all’acquisizione dei diversi livelli previsti dall’ECDL, patente informatica europea. Di questi solo 4 non hanno portato
a termine il percorso, mentre per gli altri c’è stato il conseguimento di diversi livelli di riconoscimento, superando gli esami per i vari moduli e 10 hanno raggiunto tutti i livelli
previsti, acquisendo la patente europea completa.

Per queste attività sono stati realizzati due progetti integrati nel periodo 2004 /2006 con un finanziamento di 410.000 Euro di FSE e un co-finanziamento da parte del Montecatone
Rehabilitation Institute di 186.000 Euro.

Leggi Anche
Scrivi un commento