Fissata l'aliquota di adeguamento al costo della vita delle pensioni

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n° 278, del 29 novembre 2007, il Dm 19 novembre 2007 del ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il ministro del Lavoro e della
previdenza sociale, con il quale è stata ufficializzata:

– l’aliquota definitiva per la perequazione al costo della vita, con effetto dal primo gennaio 2007, dell’importo delle pensioni in essere nell’anno 2006;

– l’aliquota provvisoria per la perequazione al costo della vita, con effetto dal primo gennaio 2008, dell’importo delle pensioni in essere nell’anno 2007.

Poiché l’aliquota definitiva per la perequazione con effetto dal primo gennaio 2007 è risultata uguale a quella provvisoriamente fissata al 2,00 per cento, non è previsto
alcun conguaglio in conto 2007.

L’aliquota per la perequazione provvisoria, con effetto dal primo gennaio 2008, è stata fissata all’1,6 per cento.

L’eventuale scostamento, rispetto all’inflazione reale, sarà conguagliato a gennaio 2009.
L’aliquota del 1,6 per cento è applicata:

– per intero alla quota di pensione non eccedente l’importo corrispondente a cinque volte il trattamento minimo Inps (pari a euro 2.180,70 mensili corrispondente a 28.349.10 euro annui);

– al 75 per cento (corrispondente all’1,2 per cento) per la quota di pensione eccedente cinque volte l’importo corrispondente al trattamento minimo Inps (oltre euro 2.180,70 mensili).

Leggi Anche
Scrivi un commento