“Fatto in Basso Piave”: Il primo negozio che vende solo prodotti a km 0

“Fatto in Basso Piave”: Il primo negozio che vende solo prodotti a km 0

San Donà di Piave (VE) – Si chiama “Fatto in Basso Piave”, si trova a San Donà in provincia di Venezia, in Viale Primavera 23, ed è il primo negozio “tradizionale”
che in Italia ha voluto vendere solo prodotti del territorio, ovvero a km 0. Non a caso al suo interno campeggia un cartello scritto a mano: “non vendiamo banane né ananas, ma
solo quello che adesso la campagna produce”. Questa bottega, che nella sua assoluta novità recupera il modo di vendere di una volta, è stata inaugurata dallo stesso assessore
all’agricoltura del Veneto Franco Manzato, affiancato dal vicesindaco Alberto Gobbo e dal presidente di Coldiretti Veneto Giorgio Piazza, che hanno consegnato ai giovani titolari, Barbara e
Ludovico Boaretto, la targa che li riconosce e li ammette nella ormai grande famiglia del km zero, cioè di quanti privilegiano i prodotti di prossimità e di stagione.

“Non si tratta di una moda o di uno slogan – ha sottolineato Manzato – ma di una scelta, che è politica ed economica e i cui contorni sono fissati dalla Legge veneta n.3 del 2010, che ha
appunto ufficializzato il “chilometro zero. In un Veneto dove l’agricoltura può fare conto su circa 400 tra prodotti tipici, DOP, IGP  – ha aggiunto Manzato – la tipicità
diventa un fattore di ricchezza e il nostro obiettivo è e rimane la redditività delle imprese, quelle agricole ma anche quelle di distribuzione, che guardano alla tipicità
con sempre maggiore attenzione”.

Sulla stessa linea l’intervento del presidente di Coldiretti Giorgio Piazza, il quale ha sottolineato la necessità di non illudere i produttori con le favole ogm, che ci toglierebbero la
ricchezza della qualità che viene dal territorio e dalla singolarità delle sue produzioni per buttare l’agricoltura nel calderone dell’agricoltura mondializzata tutta eguale dove
prevale chi lavora a costi bassissimi rispetto ai nostri”.

Felice per questa nuova proposta commerciale il vicesindaco Gobbo, che ha portato il saluto del primo cittadino Francesca Zaccariotto, presidente della Provincia di Venezia, mentre la titolare
Barbara Boaretto ha spiegato le ragioni di aprire un negozio del genere, dove si vende di tutto: frutta, verdura, farina, birra e vino, infusi e liquori, noci, frutti di bosco, miele e
marmellate, provenienti da aziende della quali la più vicina sta a 2 km e la più distante a 80, nel bellunese.

“Questa iniziativa, assieme alle tante “a km zero” che si stanno diffondendo nel territorio – ha ribadito Manzato – dimostrano che per il Veneto l’agricoltura è un fatto di
qualità ed è settore identitario, dai contorni culturali, prima ancora che semplicemente produttivo, al quale però dobbiamo assicurare reddito perché continuino su
questa strada” E l’affollamento di clienti già nel primo giorno di apertura, compresi alcuni extracomunitari, la dice lunga sulle reale preferenze dei consumatori.

 

regione.veneto.it
Redazione Newsfood.com+WebTv

Leggi Anche
Scrivi un commento