FREE REAL TIME DAILY NEWS

Dog’s Bistrot: piatti da chef consegnati a casa per i nostri cani

Dog’s Bistrot: piatti da chef consegnati a casa per i nostri cani

By Giuseppe

Ad una città come Milano, diventata meta imperdibile per i più raffinati viaggiatori del mondo, effettivamente mancava quello che con l’idea avuta da Francesco Mondadori  -giovane imprenditore erede di una delle grandi famiglie meneghine- permette di consolidare la sua presenza nel club delle grandi metropoli.

Infatti, il 33 enne rampollo Mondadori, che due anni fa ha pubblicato un pregevole ricettario della cucina “Napoli in bocca”, scritto dalla più raffinata donna-tv, Csaba Dalla Zorza, sfruttando la sua specializzazione nella ricerca di soluzioni tecnologiche e digitali per l’editoria, le imprese, i consumi, ha messo a punto un progetto che renderà finalmente possibile nutrire i nostri amici a quattro zampe con cibo preparato fresco.

Si chiama “Dog’s Bistrot”, un servizio a domicilio riservato a chi vuole passare dagli alimenti industriali a quelli naturali per il proprio cane.

Sentiamo cosa dice il giovane ideatore di questa impresa: “Abbiamo creato Dog’s Bistrot perché siamo innamorati dei nostri cani e vogliamo alimentarli nel miglior modo possibile.

La nostra missione è fornire cibo fresco e di qualità in modo che i cani possano essere molto più felici, gustando del buon cibo, ma soprattutto più sani”. Un team specializzato di nutrizionisti, capitanato da Barbara Tonini (ph D in nutrizione canina), ha sviluppato alcuni menu per cani usando creatività e ingegno con un processo ben studiato che consente, ogni settimana, di far arrivare direttamente nelle case ottimo cibo fresco, porzionato appositamente per ogni cane.

Mondadori e il gruppo di giovani che ha coinvolto, sono certi che il passaggio al cibo naturale agirà positivamente sul carattere del cane. Oltre a un benessere generale, il cibo naturale aiuta a prevenire malattie che sono spesso associate a una cattiva alimentazione. Dunque maggiore energia, peso forma, corporatura più sana e perfino alito più fresco.

Per capire meglio come funziona il servizio, basta digitare www.dogsbistrot.it: sul sito si sceglie anche il menu preferito, basta poi attendere che venga consegnato direttamente a casa. Le porzioni sono studiate per un singolo pasto. Questo evita gli sprechi che spesso si verificano con l’umido industriale.

Le ricette esclusive DOG’S BISTROT, di qualità superiore, sono preparate con pochi ingredienti sani e semplici, scelti con cura e sostanzialmente “del territorio”. Contengono nutrienti ad elevato valore biologico, quindi più assimilabili.
Come, per esempio, merluzzo, riso, fagiolini, carote lesse e olio di girasole per il “fish in out”.

Queste le prime proposte di Dog’s Bistrot: maiale senza grasso visibile, patate lessate con buccia, carote lesse e olio di soia per il “choppy pork”; vitello senza grasso, riso integrale, piselli surgelati e olio di girasole per il “teast veal”; coscia di tacchino senza pelle, riso, zucchine lesse e olio di girasole per “old old turkey”; uovo di gallina, grano saraceno, soia secca e olio di girasole per il “veggie style”; pollo senza pelle, orzo perlato, carote lesse, zucca gialla e olio di girasole per il “chicken mon amour”.

Dog’s Bistrot è una start up innovativa che vuole offrire un servizio a chi preferisce che il proprio cane non mangi crocchette. Ed è un format che non esisteva a Milano; poi, per attualizzare “un’idea della mia fidanzata Ludovica Bonini e con Pietro Muzio, altro socio fondatore della società che gestisce il format , ovviamente, tutti quelli animati dalla passione e dall’amore per i cani, ho deciso di perfezionare il progetto”, dice il giovane imprenditore.

Maria Pizzillo
Newsfood.com

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: