WFP: Il cibo del PAM alle migliaia di sfollati del conflitto in Georgia

Tblisi – Il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite (PAM) ha iniziato a fornire assistenza alimentare ad oltre 2.000 sfollati a causa del crescente conflitto in Georgia, dove
centinaia di persone sono state uccise e migliaia hanno lasciato le proprie case dall’inizio del conflitto, nell’Ossezia del Sud.

Nel fine settimana, in risposta ad una richiesta del governo georgiano, il PAM ha fornito razioni di 10 giorni ad oltre 1.900 sfollati che vivono in ripari nella capitale Tbilisi; ulteriori
distribuzioni stanno avendo luogo oggi. Il cibo fornito dal PAM proviene dagli esistenti programmi di assistenza alimentare dell’agenzia in Georgia.

“Il numero di quanti hanno bisogno del nostro aiuto cresce di ora in ora”, ha detto il direttore del PAM in Georgia, Lola Castro, aggiungendo che, finora, sono stati registrati 2.750 sfollati
nella sola Tbilisi. Castro ha detto che molte altre persone hanno trovato rifugio presso parenti o in ripari non ufficiali.

Le distribuzioni di cibo di oggi sono principalmente dirette alle persone che si trovano fuori la capitale. Tuttavia, ci sono restrizioni nei movimenti per i continui raid aerei russi che
rendono estremamente pericoloso per lo staff del PAM cercare di raggiungerle.

Molti sfollati non hanno la possibilità di cucinare; quindi, nei prossimi giorni, il PAM fornirà biscotti ad alto contenuto energetico, che non richiedono
preparazione.

Il PAM fornirà inoltre sostegno logistico ad altre organizzazioni umanitarie, utilizzando gli strumenti messi a disposizione dall’esistente operazione di assistenza alimentare nel
paese, che era indirizzata a 212.000 persone, soprattutto povere comunità rurali, così come a studenti delle elementari, malati di tubercolosi e persone affette da
HIV/AIDS.

Decine di migliaia di persone sono fuggite dall’Ossezia del Sud negli ultimi quattro giorni. Molti di loro sono sfollati in altre parti della Georgia. Secondo il governo russo, circa 30.000
persone hanno attraversato la frontiera verso la confinante Ossezia del Nord, nella Federazione russa, dove il governo dice che si prenderà cura dei bisogni umanitari.

Domenica, il PAM ha effettuato una verifica congiunta con l’agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite (UNHCR) a Gori, anch’essa colpita dal conflitto, e ha trovato la città, che
conta circa 40.000 abitanti – quasi deserta.

Il PAM fornisce assistenza alimentare alla Georgia dal 1993.

Leggi Anche
Scrivi un commento