Site icon Newsfood – Nutrimento e Nutrimente – News dal mondo Food

Usa: Piattaforma petrolifera affondata, a rischio la biodiversità

Piattaforma petrolifera in fiamme

“Questa immensa marea nera che si sta propagando velocemente può rappresentare il ‘colpo di grazia’ per la biodiversità e il sistema riproduttivo che sono alla base dell’economia
della pesca”, legata ai gamberi. Così Marco Costantini, responsabile Programma Mare del Wwf Italia, commenta il disastro del Golfo del Messico causato dalla fuoriuscita di petrolio, da una
piattaforma affondata 3 giorni fa, che potrebbe raggiungere le coste della Louisiana e minaccia un paradiso naturale come l’arcipelago delle Chandeleurs.   

“Questa tragedia – aggiunge Costantini – va a sommarsi alle problematiche che quest’area subisce a causa dell’eccessivo apporto di nutrienti provenienti dal fiume Mississipi. Questi provocano una
mancanza di ossigeno nei fondali del Golfo, creando delle vere e proprie ‘Dead zone’: qui le conseguenze sono mortalità e stress di pesci, molluschi e crostacei”.   

Inoltre, ha sottolineato Costantini, la marea nera sta raggiungendo i paradisi naturali come l’arcipelago delle Chandeleurs, area di nidificazione di uccelli marini già colpiti dal
disastro Katrina. In quest’area, ricorda il Wwf, i fondali sono già sottoposti ad una forte pressione della pesca a strascico e l’economia principale è la pesca dei gamberi.
  

“Al di là dell’adozione di severe norme e regole per evitare simili tragedie – osserva Mariagrazia Midulla, responsabile Programma Clima – è del tutto evidente che il mondo deve
prepararsi a uscire dai combustibili fossili e iniziare una nuova era. Le trivellazioni e lo sfruttamento dei giacimenti petroliferi comporteranno sempre nuovi pericoli anche ambientali. Occorre
sfruttare le tecnologie pulite e rinnovabili già disponibili sia in campo energetico che per i trasporti”.

Ansa.it per NEWSFOOD.com

Exit mobile version