Un po' di moto e un po' di vino allungano la vita

Sul Giornale Europeo di cardiologia è stato pubblicato il risultato di una ricerca che ha evidenziato come una vita attiva associata a un moderato consumo di alcool possa aumentare la
sopravvivenza dopo un infarto, lo studio è stato realizzato in Danimarca su 12 mila persone seguite per 20 anni dopo un infarto del miocardio.

A vent’anni di distanza la metà era deceduta, ma solo un quinto di queste morti era da addebitare a una malattia del cuore.

Chi aveva scelto una vita attiva e chi consumava moderate quantità di alcool aveva una probabilità di infarto più bassa rispetto a chi aveva scelto una vita pigra e non
consumava alcolici.
In conclusione, l’alcool non è certo un farmaco che previene l’infarto: ma sembra confermarsi che un moderato consumo di alcool, non più di uno/due bicchieri al giorno, unito a
una disciplinata e continuativa attività fisica può prolungare la vita di chi ha sofferto di infarto.

Buona l’occasione per ricordare che il vino rosso sviluppa la propria capacità antiossidante (qualcosa come antiruggine) sulle pareti delle arterie solo quando viene consumato durante i
pasti, e non a stomaco vuoto.
Il vino bianco non sembra avere la stessa proprietà benefica, che invece pare tipica anche della birra.Comunque sempre con moderazione, e mai prima di mettersi alla guida di un auto.

E’ giusto ricordare che alcolici e superalcolici sono comunque veleno per chi ha un fegato o un pancreas non perfettamente sano.

Fonte: European Heart journal

Leggi Anche
Scrivi un commento