Tutela del socio lavoratore di una cooperativa ingiustamente licenziato

D: C’è una qualche forma di tutela per il socio lavoratore di una cooperativa che sia stato ingiustamente licenziato. Come deve fare per essere reintegrato?

R: La tutela esiste ma non nel reintegro, ma nel risarcimento. La materia è regolata dall’art. 2 della L. n. 142 del 2001, così come modificato dall’art. 9 della L. n. 30 del
2003, in virtù del quale «Ai soci lavoratori di cooperativa con rapporto di lavoro subordinato si applica la legge 20 maggio 1970, n. 300, ma non l’art 18» che
è la disposizione che stabilisce la reintegrazione in servizio nel caso di licenziamento illegittimo «ogni volta che venga a cessare, col rapporto di lavoro, anche quello
associativo».
Quindi l’art. 18 dello Statuto dei lavoratori non è applicabile in quanto la cessazione del rapporto associativo comporta l’automatica cessazione del rapporto di lavoro.
Pertanto in caso di licenziamento illegittimo del socio lavoratore non è prevista la riammissione in società: il Giudice eventualmente adito potrà solo condannare la
società al risarcimento del danno, ma non alla riammissione in servizio.

Leggi Anche
Scrivi un commento