Tsunami nel sud est asiatico: Il Rendiconto sull'attività svolta dalla Protezione civile nazionale

Alla presenza del Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, si è tenuta, nella mattina del 17 gennaio 2008, la cerimonia di chiusura dell’emergenza-tsunami (iniziata il 26
dicembre 2004 e destinata a sconvolgere il sud est asiatico), e la presentazione di un «Rendiconto» che – a testimonianza del lavoro svolto e dei progetti realizzati – presenta il
bilancio consuntivo di quanto la Protezione Civile ha saputo realizzare nello Sri Lanka.

Nel corso dello stesso appuntamento una delegazione del Governo dello Sri Lanka conferirà una onorificenza al Dipartimento della Protezione Civile per l’efficace lavoro svolto nelle zone
colpite dalla tragedia.

L’impegno nello Sri Lanka del Dipartimento della Protezione Civile ha portato, dopo gli interventi di prima emergenza, alla gestione di un articolato programma di aiuti in favore delle vittime
dello tsunami.

Gli interventi sono stati realizzati con i 49.117.159 euro donati dagli italiani (per la gran parte tramite sms), da Agenzie, Enti, Associazioni e numerose sottoscrizioni promosse da diverse
testate giornalistiche e con i 4.436.896 euro stanziati dal Dipartimento per gli oneri legati alla gestione delle attività, per un totale di 53.554.055 euro.

Il programma generale degli interventi è stato costantemente seguito e monitorato da un Comitato di Garanti, di cui hanno fatto parte, nel corso dei tre anni, Giorgio Napolitano,
Giuliano Amato, Emma Bonino, Giulio Andreotti, Andrea Monorchio, Gianni Letta, Fernanda Contri e Ferdinando Salleo.

Il Comitato dei Garanti ha potuto verificare in questi 34 mesi in che modo i progetti siano stati effettivamente portati a termine. Tutte le opere strutturali, infatti, sono state sottoposte a
collaudo da parte di esperti del Dipartimento della Protezione Civile, mentre l’attività di controllo sulle spese effettuate per la realizzazione dei progetti è stata attuata
attraverso un’attenta verifica amministrativa di tutti i documenti contabili.
Queste le tipologie di intervento messe in atto dal Dipartimento della Protezione Civile:

Sancita ufficialmente la conclusione dei progetti previsti nel 2005 e conclusi nel 2007, non cessa, tuttavia, l’impegno della Protezione Civile nello Sri Lanka. Infatti, ribassi d’asta in gare
di appalto, varianti al programma e ai progetti in corso d’opera e soprattutto una corretta gestione hanno consentito che alla fine risultassero delle economie pari a 7.413.360 euro.

Tale somma sarà dunque impiegata per ulteriori iniziative a favore dello Sri Lanka – anch’esse gestite dal Dipartimento della Protezione Civile -, come, ad esempio, la messa in funzione
e la gestione degli ospedali di Kinniya e Muthur, ed un nuovo programma di incremento all’accesso al microcredito al fine di rilanciare l’economia locale.

Fonte: Dipartimento della Protezione Civile

Leggi Anche
Scrivi un commento