Salmone selvaggio dell’Alaska, “uno di famiglia” sulla tavola delle feste

Salmone selvaggio dell’Alaska, “uno di famiglia” sulla tavola delle feste

Non sarà un Natale come gli altri, le tavole saranno più piccole, almeno per i più, ma la voglia di festeggiare anche la gola non mancherà neanche in un anno che tutti vorremmo archiviare al più presto. La giornata più attesa dell’anno celebrerà soprattutto la famiglia, gli affetti più cari ma, in menù, non mancheranno le delizie che sono solite accompagnare i pranzi speciali. 

Qualsiasi tradizione portiate in tavola, da quella più a nord a quella più a sud, il salmone, fresco o affumicato, è la scelta perfetta per dare un tocco in più di raffinatezza e di esclusività. Perché questo straordinario pesce dia il meglio di sé è però importante essere selettivi nella scelta e, per qualità e sapore, il salmone selvaggio dell’Alaska è quanto di meglio possiate trovare sul mercato. 
Carni tenere, dal classico sapore di mare, perfetta consistenza, ecletticità, sono solo alcune delle sue peculiarità. Infatti, il suo essere selvaggio è una garanzia assoluta di salubrità e di sostenibilità. Peculiarità che derivano innanzitutto dall’habitat in cui nasce, cresce e si sviluppa, acque freschissime e incontaminate che offrono come cibo la naturalità di plancton e di piccoli crostacei, altrettanto incontaminati. E, proprio per queste caratteristiche, il salmone selvaggio dell’Alaska è un’assoluta garanzia di altissima qualità.
Il “fresco” che viene commercializzato per gran parte dell’anno e quindi, anche in questo periodo, è in realtà surgelato ma questo nulla toglie alle sue qualità organolettiche e nemmeno al suo sapore originale. Infatti, per ottemperare alle rigide regolamentazioni sulla pesca vigenti in Alaska, stipulate per garantire la continuità della specie e la salvaguardia dell’ambiente, il salmone, appena pescato (da maggio a ottobre) viene surgelato sul campo dalle navi di stabilimento con un procedimento rapidissimo che garantisce il tipo di trasformazione.
Se poi decidete di scegliere la versione affumicata scoprirete non solo tutto il colore intenso uniforme delle sue carni ma proverete la meravigliosa sensazione di un salmone che si scioglie letteralmente in bocca lasciando un delizioso retrogusto.
Lo abbiamo definito versatile e, infatti, sono tante le ricette con cui potete cimentarvi, dagli antipasti, ai primi piatti, ai secondi e potete persino dimostrare la vostra abilità con “i crudi” degli chef stellati giapponesi. 
Se poi puntate al massimo dello “chic”, al salmone selvaggio potete accostare un’altra specialità dell’Alaska: l’Ikura, ovvero il caviale rosso, una prelibatezza che potete utilizzare per preparare tartine e tanto altro. 

Alla vostra fantasia serve un piccolo aiuto? Allora non dovete fare altro che visitare la pagina FB www.facebook.com/AlaskaSeafoodItalia dove troverete tante informazioni, consigli e ricette da tutto il mondo!

Leggi Anche
Scrivi un commento