Razionalizzazione delle spese di funzionamento dell'ente Provincia di Alessandria

Alessandria – La Giunta provinciale, presieduta da Paolo Filippi, su proposta dell’assessore al Bilancio, Gianfranco Comaschi, ha approvato, ai fini del contenimento delle
spese di funzionamento delle proprie strutture previsto dalla legge finanziaria 2008, il piano per il triennio 2008-2010, contenente misure incentrate sulla razionalizzazione dell’utilizzo
delle seguenti voci di spesa: dotazioni strumentali, anche informatiche, che corredano le stazioni di lavoro nell’automazione d’ufficio; autovetture di servizio, attraverso il ricorso, previa
verifica di fattibilità, a mezzi alternativi di trasporto, anche cumulativo; beni immobili ad uso abitativo o di servizio, con esclusione dei beni infrastrutturali.

Nei piani relativi alle dotazioni strumentali, occorre, inoltre, prevedere misure dirette a circoscrivere l’assegnazione di apparecchiature di telefonia mobile ai soli casi in cui il personale
debba assicurare, per esigenze di servizio, pronta e costante reperibilità e limitatamente al periodo necessario allo svolgimento delle particolari attività che ne richiedono
l’uso, individuando, nel rispetto della normativa sulla tutela della riservatezza dei dati personali, forme di verifica, anche a campione, circa il corretto utilizzo delle relative utenze.

Le amministrazioni pubbliche sono, poi, tenute a trasmettere a consuntivo e con cadenza annuale una relazione agli organi di controllo interno e alla sezione regionale della Corte dei conti
competente. «Questo piano costituisce per la Provincia di Alessandria solo un segmento di un’azione di maggiore ampiezza – commentano il presidente, Paolo Filippi, e l’assessore Comaschi
– che, oltre a razionalizzare, si propone di monitorare, analizzare e introdurre tempestive azioni virtuose finalizzate anche al contenimento della spesa».

Il piano triennale 2008-2010, che impegnerà i diversi responsabili di servizio al conseguimento di economie di spesa, sarà pubblicato sul sito istituzionale dell’ente, mentre una
copia sarà depositata presso l’URP.

Leggi Anche
Scrivi un commento