Rateo di pensione al coniuge senza successione. Imposta sulle successioni

D: Volevo avere un chiarimento in tema di pensione ai superstiti, ovvero sapere se il rateo di pensione o dell’assegno insoluto a causa della morte del pensionato entra nell’asse ereditario
del morto

R: In materia hanno risposto sia l’Agenzia delle Entrate, con la Risoluzione n. 53 del 2008, sia l’INPDAP con Nota operativa n. 6 del 2008.
Per quanto attiene alla prima in ordine all’asse ereditario, il rateo di pensione o dell’assegno insoluto a causa della morte del pensionato non entra nell’asse ereditario del morto, ma al
coniuge non separato ed ai figli senza che debbano presentare la dichiarazione di successione.
In caso di mancanza di coniuge e figli il rateo è devoluto agli eredi e in questo caso entra nell’asse ereditario e quindi è assoggettato alla disciplina dell’imposta sulle
successioni e donazioni.

Per quanto attiene alla seconda in ordine all’imposta sulle successioni, l’INPDAP si è adeguata a quanto disposto dall’Amministrazione finanziaria, ricordando che nel primo caso il rateo
di pensione non rientra nell’asse ereditario perché spetta «iure proprio» agli interessati.
Negli altri casi gli uffici, prima di pagare le somme, devono acquisire la prova dell’avvenuta presentazione della dichiarazione di successione, oppure la dichiarazione da parte
dell’interessato che non sussiste l’obbligo di tale adempimento.

Leggi Anche
Scrivi un commento