Quando si deve restituire l'indennità di mobilità

D: Mi sono messo in mobilità perché l’azienda in cui lavoravo in stato di crisi aziendale, non dava ormai segni di affidamento per il futuro e per intraprendere
un’attività di lavoro autonoma. Mi sono visto richiedere la restituzione dell’indennità di mobilità corrispostami in via anticipata. E’ corretto? In che termini sta la
questione?

R: Al quesito ci da risposta una sentenza della Corte di Cassazione, quella del 18 settembre 2007 n. 19338, con la quale la stessa ha chiarito che se il dipendente ha incassato una
anticipazione dell’indennità di mobilità mentre effettua una altra attività di lavoro in tal caso bisogna riferirsi quanto dispone all’art. 7, comma 5, la L. n. 223 del
1991. Questa prevede l’obbligo di restituzione dell’indennità di mobilità corrisposta in via anticipata a carico dei lavoratori che, pur avendo ottenuto tale anticipazione
dichiarando di aver intenzione di intraprendere un’attività autonoma, si sono rioccupati alle dipendenze di altro datore di lavoro o hanno effettuato altra attività
lavorativa.
L’obbligo di restituzione sussiste in tali casi quando l’assunzione di una nuova occupazione alle altrui dipendenze avvenga «nei 24 mesi successivi a quello della
corresponsione». La disposizione sopraccitata prevede che bisogna al riguardo considerare non il momento in cui il lavoratore ha presentato domanda per ottenere l’anticipazione
dell’indennità, ma quello in cui ha incassato la stessa.

Leggi Anche
Commento ( 1 )
  1. Luca
    29 Novembre 2015 at 9:15 am

    Buongiorno , nel gennaio 2015 sono entrato nella lista di mobilità, ho fatto richiesta di mobilità anticipata ed è stata accettata, per mia sfortuna l’attività aperta non da buon frutto e vorrei spostarmi per trovare lavoro, cosa mai trovassi lavoro, dovrei restituire l’intera cifra? da premettere che ho percepito 3 anni di mobilità.

Scrivi un commento