ProPizza al SIGEP con «Pizza al buio»

Rimini – 26 gennaio 2008 – Dopo il positivo e promettente esordio del 2007 il Consorzio ProPizza ritorna al SIGEP di Rimini (26/30 gennaio), con uno spazio tutto proprio, forte
dell’esperienza maturata in questi ultimi 12 mesi e della costante volontà di diffondere i valori storici, gastronomici e commerciali della pizza.

Il Consorzio metterà ancora una volta in rilievo l’importanza economica del settore e delle aziende che vi ruotano attorno non tralasciando la qualità dei prodotti che danno vita
alla pizza. Un percorso tutto alimentare e non solo, per capire che dietro la pizza di qualità pulsa un mondo tutto italiano.

Obiettivo del Consorzio ProPizza, istituzione super partes nata nell’agosto 2006 e composta da un pool di aziende del settore, è valorizzare in Italia e nel mondo la pizza italiana di
qualità, tutelarla e renderla un orgoglio nazionale, oggi che è piatto sempre più globalizzato.

La presenza del Consorzio al SIGEP, visitato nel 2007 da 375 giornalisti accreditati e 93.363 visitatori professionali di cui il 15% proveniente dall’estero, serve a rafforzare quest’immagine
della pizza simbolo della tradizione gastronomica italiana e patrimonio internazionale. Una presenza quindi non causale per il Consorzio ProPizza, visto che proprio in occasione dell’edizione
2008, il SIGEP legittimerà anche sotto l’aspetto fieristico l’importanza storica ed economica del settore attraverso l’incremento degli operatori impegnati nel mondo della pizza.

Troverete il Consorzio ProPizza in uno spazio espositivo innovativo, pensato e creato per valorizzare gli strumenti, i prodotti e le abilità presenti nel mondo della pizza. Uno spazio in
grado di attrarre l’interesse e la curiosità del visitatore anche grazie alla grande novità 2008, la Pizza al Buio.

PIZZA AL BUIO – Per un’esperienza sensoriale unica

Rimini – 26 gennaio 2008 – Al padiglione B7, ingresso Est, lo stand del Consorzio Propizia ospita una struttura misteriosa, all’interno della quale gli ospiti potranno vivere un momento assai
particolare: assaggiare una pizza di alta qualità rigorosamente al buio. Un rito quasi tantrico che ben si sposa con la sensualità del più imitato piatto nazionale.

La pizza c’è ma non si vede: se ne percepisce il gusto, se ne assorbe il profumo, se ne comprendono i differenti ingredienti, la si consuma anche, chiacchierando amabilmente con gli
altri ospiti, circondati dal buio più totale. Ne risulta un piacevole diversivo che lascia stomaco e sensi soddisfatti e spinge a sviluppare l’immaginazione e perché no, a
intrecciare conoscenze e scambiarsi sensazioni.

Pizza al Buio nasce sull’onda di Dialogo nel buio, il cui esordio si deve, in Italia, all’Istituto dei Ciechi di Milano. Ed è proprio con l’Istituto dei Ciechi di Milano che il Consorzio
ProPizza opera a Sigep 2008. Del resto il piatto più amato della nostra cucina e più imitato all’estero, ben si sposa con la religiosità del buio dove la chiacchiera
è gradita, anzi necessaria per conoscersi meglio e scambiarsi opinioni su quanto si assaggia e sulle sensazioni amplificate che il palato e anche l’olfatto sviluppano in mancanza della
vista.

Il buio è senza barriere e può essere differentemente arricchito di suoni e sensazioni, che altrimenti potrebbero venire bloccate dalla vista. Si può perdere interesse per
una bella voce se chi parla non risponde ai nostri canoni estetici, ma la voce resta bella e può addirittura trasmettere sentimenti più profondi se non ci si blocca alla vista.

Un approfondimento, dunque, offre Pizza al Buio su quello che sono gli ingredienti più semplici per dare vita al più gettonato piatto nel mondo che, se di qualità,
può assurgere a piatto d’alta cucina.

Pizza al Buio avrà luogo dal 26 gennaio 2008 e durerà fino al 30 gennaio 2008. Ogni giorno, e solo per ospiti selezionati e su prenotazione, verranno organizzate più
degustazioni. Non vi sarà ticket d’ingresso ma sarà gradita un’offerta libera che verrà interamente devoluta all’Istituto dei Ciechi di Milano.

Leggi Anche
Scrivi un commento