Presentazione pubblicazione su abitudini alimentari di anziani di Irno e Picentini

Salerno – Sabato 22 dicembre alle ore 9:30, presso la sala mensa dell’Università degli Studi di Salerno (campus di Fisciano), verrà presentata la pubblicazione Ageing
“Alimentarsi con la Gastronomia tipica e Invecchiare Nutrendosi con Gusto”, alla presentazione della pubblicazione, che costituisce una ricerca sui gusti e sulle abitudini alimentari degli
anziani del territorio Irno Picentini nata all’interno degli interventi a carattere culturale progettati dal Piano Sociale di Zona Irno-Picentini a favore delle terza età,
assisterà una ampia rappresentanza delle persone anziane che hanno partecipato allo studio, offrendo e condividendo la loro quotidiana esperienza di vita.

Interverranno Maria Cristina Nicoletti, Coordinatrice dell’Ufficio di Piano, Angelina Petraglia, Referente Area Anziani Ufficio di Piano, Maria Grazia Farina, Consigliere Comunale di Fisciano,
Delegata al Piano di Zona e Domenico Sessa, delegato alla Terza Età del Comune di Fisciano. La nota scientifica dei lavori è affidata al Prof. Eugenio Luigi Iorio, nutrizionista
salernitano di fama internazionale, impegnato a promuovere l’esperienza della persona nell’integralità dei suoi bisogni, in campo medico e scientifico, e Presidente dell’Osservatorio
Internazionale dello Stress Ossidativo con sede presso “La Fabbrica dei Sapori?” di Battipaglia, che ha curato la dimensione scientifica della pubblicazione.

Sono stati intervistati oltre 500 anziani over 65, in rappresentanza della popolazione dei 17 Comuni dell’area Irno-Picentini. Circa un centinaio gli operatori coinvolti, molti dei quali essi
stessi anziani, secondo un’innovativa metodologia di ricerca. Oltre 350 le domande formulate, 4 i commenti aperti richiesti per singola scheda. Oltre 200.000 i dati grezzi ricavati e poi
sottoposti ad elaborazione. Il questionario ha scandagliato tutti gli aspetti relativi all’alimentazione degli anziani, dalla nutrizione alla gastronomia, dalla psicologia alla sociologia,
passando attraverso gli itinerari della memoria, dai saperi ai sapori.

Dallo studio emerge un patrimonio potenziale di cultura cibica e tradizioni che aspetta solo di essere scoperto e valorizzato e la necessità di sviluppare e realizzare da parte delle
istituzioni e degli enti preposti progetti interdisciplinari centrati sull’alimentazione e la terza età.
In tale ottica, l’Osservatorio Internazionale dello Stress Ossidativo è pronto a fare la sua parte con azioni miranti a diffondere la consapevolezza dell’importanza culturale e
scientifica della valutazione del bilancio ossidativo nella prevenzione primaria e secondaria.
Prossimamente tale pubblicazione verrà presentata anche presso “La Fabbrica dei Sapori?” a Battipaglia.

Leggi Anche
Scrivi un commento