Periodi di lavoro nei Paesi Ue o in quelli legati da convenzione bilaterale

D: È possibile totalizzare i periodi di lavoro all’estero in ambito comunitario o in Paesi legati da convenzione bilaterale con quelli che hanno dato luogo alla iscrizione alla
gestione separata INPS (attività da co.co.co.)?

R: In base alla legge nazionale gli interessati possono chiedere il computo nella gestione separata dei contributi versati nell’Ago o in forme sostitutive o esclusive o nelle gestioni dei
lavoratori autonomi a condizione che abbiano almeno 15 anni di contributi, di cui almeno 5 versati dopo il 1995.
Tale periodo può essere perfezionato anche cumulando i periodi di lavoro all’estero nei suddetti Paesi.

Per quanto attiene alla pensione supplementare se il lavoratore parasubordinato ha versato contributi per periodi inferiori ai cinque anni e quindi non utili per dare luogo al pagamento della
pensione nella gestione separata (per la quale occorrono almeno 5 anni di contribuzione e l’età pensionabile, oggi 60 anni le donne e 65 gli uomini), è possibile ugualmente
ottenere la pensione – sotto forma di pensione supplementare – se il soggetto è titolare di altra pensione liquidata come lavoratore dipendente pubblico o privato, come lavoratore
autonomo, come libero professionista.
Però tale agevolazione non può essere riconosciuta nel caso in cui il soggetto sia titolare di pensione estera.

Leggi Anche
Scrivi un commento