OliOlive, tre giorni di festa tra gusto e tradizioni

CASTEL MADAMA (Rm) – Tradizioni e sapori antichi, itinerari turistici e rivisitazioni storiche, Castel Madama, in provincia di Roma, dal 16 al 18 Novembre propone “Oliolive” tre giorni
di appuntamenti e manifestazioni alla scoperta dei valori culturali e dei sapori della tradizione gastronomica. Un fine settimana dedicato al trionfo della degustazione di olive da tavola ed
olio extravergine, che presto avrà la denominazione dop delle Terre Tiburtine. Le piazze ed i vicoli del paese si trasformeranno in una “vetrina” d’espositori e di degustazioni dove si
potranno assaggiare e acquistare i prodotti tipici e di agricoltura biologica del paese della Valle dell’Aniene.
Protagoniste assolute della manifestazione saranno proprio le olive lavorate che arrivano sulle nostre tavole. Del resto, a Castel Madama ogni anno vengono stagionate e lavorate nelle aziende
del paese più di 50 mila tonnellate di olive, nel rigoroso rispetto della tradizione mediterranea. Una realtà industriale che ricopre circa il 20% di tutta la produzione
nazionale, apprezzata anche all’estero dagli Stati Uniti alla Cina, nuovo mercato in espansione.
In una stagione in cui tutti parlano di olio extravergine Castel Madama non dimentica il frutto di origine: le olive che vengono raccolte proprio in questi giorni. E in tutto il paese
già fervono i preparativi per la sesta edizione di una manifestazione tutta da gustare.
“OliOlive” è organizzata dal Comune di Castel Madama in collaborazione con le aziende elaiotecniche del paese. E proprio le forti potenzialità della produzione locale, supportate
da una promozione eno-gastronomica, fanno sì che questa manifestazione sia ormai considerata un evento di rilevanza culturale e turistica. Un’occasione colta, sana e ghiotta dove, per
tre giorni, il turista curioso e goloso può incontrare tipicità e ricchezze di queste terre tra appuntamenti gastronomici, mostre, concerti, esibizioni di sbandieratori,
spettacoli per bambini, prodotti d’artigianato e musica popolare. Ampio spazio è dato anche a convegni e dibattiti insieme ad esperti e professionisti del settore.

Dove: Castel Madama è sita a 39 km da Roma. Facilmente raggiungibile con l’autostrada A24 per l’Aquila e la statale Tiburtina.
Quando: 16 – 17 – 18 Novembre 2007

Informazioni Ufficio Cultura 0774.4500226

L’Olio e le Olive a Castel Madama – A Castel Madama, settemila abitanti alle porte di Roma, le olive da tavola e l’olio extra-vergine hanno un ruolo di primo piano nell’economia locale
testimoniato anche da “OliOlive” una festa tutta dedicata al settore elaiotecnico. Se infatti per l’olio di oliva il territorio confina con quello della Sabina, uno dei primi in Italia ad
ottenere la Denominazione di Origine Protetta, per la lavorazione delle olive da tavola Castel Madama è al top con il 20% della produzione nazionale.
Dalla tradizionale oliva nera affumicata, caratteristica della zona, negli anni si è passati alla lavorazione di molte altre varietà importate soprattutto da Spagna e Grecia.
L’oliva nera di Castel Madama viene prima lasciata in vasche con acqua salata per circa una settimana e poi messa in forno per almeno tredici ore. Un procedimento lento ma necessario, che non
dimentica i gesti tradizionali e la qualità del prodotto. La lavorazione delle olive occupa 160 persone e sviluppa un fatturato di circa 25 milioni di euro l’anno con il 20% della
produzione commercializzata all’estero dagli Stati Uniti alla Cina, nuovo mercato in espansione. Se l’oliva da tavola ha assunto con gli anni un ruolo di rilievo è ora il turno dell’olio
extra-vergine che in questa zona attende di fregiarsi della denominazione d’origine Terre Tiburtine. È un olio che si presenta poco fruttato delicato, prodotto principalmente con la
qualità Rosciola.

UN PIACERE PER IL PALATO, GUSTI POVERI MA BELLI – Pizza di granturco, fiori di zucca fritti e dolci secchi: un tour tra i sapori castellani CASTEL MADAMA – Poveri di nascita ma ricchi di
sapore. Inventati dall’ingegno di vecchie massaie e pronti a far sognare il palato. Castel Madama è anche sinonimo di buona tavola. Dal 16 al 18 Novembre OliOlive è un’occasione
da non perdere per gustare i piatti tipici di questo paese alle porte della Capitale. Non serve chiedere il menù tra gli stand della manifestazione, è tutto da assaggiare. Per
cominciare è d’obbligo un po’ di bruschetta con olio extravergine e delle olive nere Brocaniche. Poi è tutto un viaggio nel piacere. Tra i primi predomina la pasta con i fagioli,
ma tra le specialità non va dimenticata la “pizza di granturco con i broccoletti ripassati con olio, aglio e peperoncino”. Tipica del periodo invernale è uno dei piatti poveri
della tradizione contadina. Cosa è la pizza di granturco? Un impasto di acqua, farina di polenta e sale da cuocere lentamente. Per secondo la carne alla brace sazierà i palati di
chi cerca sapori genuini. Il tutto con fiori di zucca fritti. Se volete spingervi fin nel cuore della tradizione potreste far merenda con la “pizza fritta con lo zucchero”. Il caffè a
questo punto ci vuole con accompagnamento di biscotti secchi della zona.

? Dalle ore 17,00 di venerdì 16 Novembre resteranno sempre aperti gli stand espositivi dove sarà possibile la degustazione gratuita o l’acquisto di olio extra-vergine, olive
lavorate e prodotti gastronomici locali. Nell’area espositiva sarà possibile seguire la lavorazione del latte con assaggi di ricotta calda, conoscere le antiche tecniche della cesteria e
assistere alle dimostrazioni di raccolta tradizionale e moderna delle olive. Sarà, inoltre, visitabile il frantoio di Castel Madama per assistere alla spremitura.

Leggi Anche
Scrivi un commento