Nutrimento & nutriMENTE

Olio di semi, prevenzione delle malattie cardiovascolari

Olio di semi, prevenzione delle malattie cardiovascolari

By Redazione

Olio di soia, colza, girasole e mais: una volta oli di seconda categoria, gli oli di semi possono difendere il cuore e ridurre i pericoli della malattie cardiovascolari. Tuttavia, devono essere
spremuti a freddo ed utilizzati a crudo.

Lo sostiene una ricerca dell’Università dell’Illinois, diretta dai professori Kevin Fritsche e Guy Johnson e pubblicata su
“Journal of the Academy of Nutrition and Dietetics”.

Il team dell’Illinois ha condotto un’analisi revisionale su 15 ricerche (500 adulti esaminati in totale), tutte centrate su particolari diete basate su vari grassi, tra cui appunto gli oli
vegetali.

I controlli hanno evidenziato come l’acido linoleico non provocasse infiammazione ma, anzi,potesse difendere il cuore.

In cerca di dati ulteriori, Fritsche e colleghi si sono appoggiati all’American Heart Association (AHA): questa
consiglia di usare solo olio vegetale durante la cottura, e di assumerlo (2-4 cucchiaini), ma a crudo. Così facendo, il cuore può ottenere protezione, ovviamente se l’olio
è accoppiato ad una dieta sana ed equilibrata.

Matteo Clerici

ATTENZIONE: l’articolo qui riportato è frutto di ricerca ed elaborazione di notizie pubblicate sul web e/o pervenute. L’autore, la redazione e la proprietà, non
necessariamente avallano il pensiero e la validità di quanto pubblicato. Declinando ogni responsabilità su quanto riportato, invitano il lettore a una verifica, presso le fonti
accreditate e/o aventi titolo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: