Mobilitazione: le iniziative della Cia Abruzzo

 

In preparazione delle manifestazioni di venerdì 14 novembre che si svolgeranno in contemporanea nelle quattro città capoluogo dell’Abruzzo, decine di assemblee,
incontri ed iniziative su tutto il territorio regionale stanno vivacizzando la campagna di mobilitazione lanciata dalla Confederazione italiana agricoltori.

Con questa mobilitazione all’insegna della parola d’ordine «Ora i fatti. Gli agricoltori chiedono interventi immediati ed efficaci», «avanziamo –
sottolinea Domenico Falcone, presidente della Cia Abruzzo, le nostre proposte per ridare slancio e vigore al settore agricolo che assicura alla società prodotti di
qualità, garantisce la sicurezza alimentare e svolge un’importante funzione di difesa ambientale e valorizzazione del territorio».

«La stessa agricoltura – continua Falcone – che all’attuale situazione di pesante crisi rischia di aggiungere i danni derivanti dalla legge finanziaria 2009 che, allo stato
attuale, è priva di risorse per gli sgravi contributivi Inps nelle zone svantaggiate, per il fondo di solidarietà contro le calamità naturali e per il Piano irriguo
per effetto dei tagli, rispetto al 2008, di oltre 500 milioni di euro».

«Oltre al ripristino di dette risorse – aggiunge Falcone – chiediamo misure di carattere straordinario in grado di dare garanzie alle imprese agricole che vivono una delle fasi
più difficili degli ultimi anni. Interventi in grado di abbassare i costi di produzione (riduzione dell’aliquota Iva per l’acquisto di beni e servizi, sul vino e sui
carburanti ed azzeramento dell’accisa sul gasolio agricolo), unitamente a misure per il rafforzamento strutturale della nostra agricoltura propedeutico per la competizione nel
mercato (accesso al credito bancario agevolato, estensione del credito d’imposta per nuovi investimenti e riduzione dell’aliquota Iva sulle nuove strutture realizzate
nell’ambito dei Piani di Sviluppo Rurale, sollecita erogazione dei finanziamenti comunitari di supporto alle imprese agricole, interventi a sostegno
dell’imprenditorialità giovanile)».

«Il pacchetto di misure che proponiamo, nell’attuale contesto economico internazionale di grave crisi finanziaria, stagnazione dell’economia e calo dei consumi,
è finalizzato -sostiene il presidente della Cia Abruzzo, al rafforzamento dell’impresa agricola professionale che basa sulla conoscenza, sugli investimenti e sul capitale
umano le principali condizioni per lo sviluppo e che attraverso tale strategia potrà dare un contributo determinante al rilancio economico del nostro Paese».

«Con questo spirito, all’insegna del nostro progetto di «Un nuovo patto tra agricoltura e società», con l’iniziativa del 14 novembre, insieme alle
proposte, vogliamo portare avanti – conclude Falcone – una forte azione di sensibilizzazione della società: cittadini, istituzioni, forze politiche e forme organizzate di
rappresentanza, a sostegno delle ragioni dell’agricoltura e per il riconoscimento e rafforzamento della sua fondamentale funzione a beneficio dell’intera
collettività».

 

Leggi Anche
Scrivi un commento