Site icon Newsfood – Nutrimento e Nutrimente – News dal mondo Food

L’Omeopatia: Lo strumento diagnostico per le alterazioni della salute

Medicina alternativa: Omeopatia

L’Omeopatia propone cinque diatesi (predisposizioni) come valutazione dei pattern di tendenza a reagire ed ammalare in un certo modo, o, in altre parole, come alterazione dell’informazione base
di salute che sono, nell’ordine: la Psora, il Tubercolinismo, la Lue, la Sicosi, il Cancerinismo. Dico nell’ordine perché rappresentano una modalità di approfondimento patologico
dal centro alla periferia, dall’ordine al caos.

La Psora è una biopatia che origina nella sfera della relazione del soggetto, come incapacità a sostenere il rapporto col mondo esterno. Vi è una insufficienza
energetica che può essere da produzione o da utilizzazione dell’energia prodotta.
Le caratteristiche principali sono: le alternanze morbose e la periodicità; le complicazioni in seguito a soppressione farmacologica; l’intestino che non funziona bene, la termoregolazione
alterata; il tropismo cutaneo della sintomatologia; l’astenia; il prurito; la facilità alle parassitosi; la puzza delle escrezioni e secrezioni; l’alternanza tra fame e vuoti di
stomaco.

Il Tubercolinismo è un’alterata modalità reattiva alla tossina tubercolinica con una impregnazione che prevalentemente coinvolge l’apparato respiratorio generando un
comportamento distonico che usa la malattia come mezzo per accattivarsi l’attenzione degli altri ed usarli a suo piacimento. E’ una variante della psora, anche se a sé stante. Le
caratteristiche principali sono: presenza del batterio (B.K.) o antecedenti tubercolotici; ipersensibilità nervosa; iperpiressia; congestione venosa periferica; variabilità dei
sintomi; tropismo mucoso e sieroso; dimagramento; freddolosità; stitichezza; demineralizzazione.

La Lue si instaura in seguito all’azione di agenti morbosi che creano reazioni simili a quelle del treponema: alcune carenze igenico-dietetiche; infezioni che provocano forme acute o
subacute a livello di ghiandole e ossa; l’alcolismo, l’intossicazione da mercurio ed altri metalli pesanti. E’ l’utilizzo autodistruttivo della propria energia. I sintomi capitali sono:
antecedenti (lue, alcolismo, aborti ripetuti); antecedenti personali (convulsioni infantili, crescita ritardata); necessità di lavarsi le mani a ripetizione; ritardo mentale; peggioramento
notturno; peggioramento al mare; necessità di tenere in mano sempre qualcosa; crescita difettosa; dolore insopportabile alla percussione dell’osso; asimmetria nelle morfologia.

La Sicosi è una reticolo-endoteliosi cronica con tropismo elettivo all’apparato genito-urinario e al naso. E’ caratterizzata da secrezioni mucopurulente e da proliferazione cutanea
che rispetta però la struttura cellulare. E’ l’utilizzo in senso proliferativo dell’energia: ipertrofia del tessuto, ipertrofia dell’ego. I segni principali sono: brutte reazioni a
farmaci, vaccinazioni e sieri; miglioramento col tempo secco e movimento lento; mentalità depressiva con idee ossessive; ritenzione idrica dolorosa; tendenza alle produzioni benigne;
peggioramento con l’umidità; dolori spasmodici; pallore più o meno cronico senza anemia; sudori particolari; infezioni persistenti genito-urinarie e ORL.

Il Cancerinismo, da non confondere col carcinoma, è una grave impregnazione polidiatesica (psora tubercolinismo lue sicosi). In essa esiste una familiarità di forme tumorali
maligne, turbe psichiche gravi, anarchia energetica. Il soggetto perde il proprio olismo, si divide in pezzi ed ogni livello esistenziale si comporta come se fosse separato dagli altri. In tutti
i casi più gravi, c’è rassegnazione alla vita per lo più inconscia.

Dott. Claudio De Santi
Redazione Newsfood.com+WebTV