La destinazione del tfr per i lavoratori che attivano un nuovo rapporto di lavoro

La Covip, con deliberazione del 24 aprile 2008, ha fornito chiarimenti in merito alle opzioni di scelta sulla destinazione del tfr da parte dei dipendenti che, dopo aver scelto in relazione a
precedenti rapporti di lavoro, attivano un nuovo rapporto di lavoro.
La Covip ha spiegato che il nuovo datore di lavoro deve in primo luogo verificare quale sia stata la scelta in precedenza compiuta dal lavoratore richiedendogli un’apposita dichiarazione e
corredandola con un’attestazione del datore di lavoro di provenienza o con altra eventuale documentazione comprovante la scelta a suo tempo effettuata (ad es. la copia del modulo TFR1 o TFR2
sottoscritto o la copia del modulo di adesione ad una forma pensionistica complementare).

Lavoratore riassunto che nel corso di precedenti rapporti aveva optato per il mantenimento del tfr in azienda
In questo caso, il datore di lavoro continua a trattenere il TFR, ma il lavoratore può rivedere, in ogni momento, tale scelta, conferendo il TFR maturando ad una forma pensionistica
complementare.

Lavoratore riassunto che aveva conferito il tfr ad una forma pensionistica complementare e che, dopo la cessazione del rapporto di lavoro, ha riscattato integralmente la posizione
In questo caso il lavoratore deve attestare al nuovo datore di lavoro l’avvenuto esercizio del diritto di riscatto integrale della propria posizione e, entro sei mesi dalla nuova assunzione,
deve nuovamente esprimere la scelta sulla destinazione del tfr.

Lavoratore riassunto che aveva conferito il tfr ad una forma pensionistica complementare e che, dopo aver perso i requisiti di partecipazione a tale forma, non ha riscattato integralmente la
posizione

La Covip ha precisato che, se alla variazione del rapporto di lavoro consegue anche la perdita dei requisiti di partecipazione alla forma pensionistica complementare cui il lavoratore era
precedentemente iscritto, il lavoratore ha sei mesi di tempo per scegliere la forma di previdenza complementare cui conferire il TFR maturando, anche in relazione alle opportunità
derivanti dal nuovo rapporto di lavoro.

Covip, deliberazione 24 aprile 2008

Leggi Anche
Scrivi un commento