Ipotesi di accordo quadro per la definizione delle autonome aree di contrattazione della dirigenza

Il 19 dicembre 2007 l’Aran e le Confederazioni sindacali rappresentative hanno siglato l’ipotesi di accordo quadro per la definizione delle autonome aree di contrattazione della dirigenza
relativo al quadriennio 2006 – 2009.
Sono circa 170 mila i dirigenti pubblici interessati dall’accordo (compresi quelli di livello dirigenziale generale), che vengono suddivisi in otto aree autonome di contrattazione:
– area I: dirigenti dei ministeri compresi quelli delle professionalità sanitarie del ministero della salute (art.2 della Legge 1202007);
– area II: dirigenti del comparto regioni e autonomie locali;
– area III: dirigenti dei ruoli sanitario, professionale, tecnico, amministrativo del comparto del servizio sanitario nazionale;
– area IV: dirigenza medico – vetrinaria, comprendente medici, veterinari ed odontoiatri del servizio sanitario nazionale;
– area V: dirigenti dei comparti scuola ed istituzioni di alta formazione e specializzazione artistica;
– area VI i dirigenti dei comparti delle agenzie fiscali ed enti pubblici non economici, compresi i professionisti del comparto enti pubblici non economici, collocati in apposita separata
sezione ai sensi dell’articolo 40, comma 2 del Decreto Legislativo n. 165 del 2001;
– area VII i dirigenti dei comparti università ed istituzioni ed enti di ricerca e sperimentazione;
– area VIII i dirigenti del comparto della presidenza del consiglio dei ministri.
I firmatari, inoltre, hanno redatto una dichiarazione congiunta che stabilisce di istituire una commissione bilaterale per formulare ipotesi di aggregazione e riduzione delle suddette aree
dirigenziali.

Ipotesi di accordo quadro per la definizione delle autonome aree di contrattazione della dirigenza

Leggi Anche
Scrivi un commento