Il Progetto Gutenberg rivoluziona il concetto del “bar a casa”

Il Progetto Gutenberg rivoluziona il concetto del “bar a casa”

Milano – In occasione della seconda edizione dell’Innovation Day – giornata dedicata all’innovazione e allo sviluppo di nuove tecnologie – Pernod Ricard ha regalato un’anticipazione sul Progetto Gutenberg, un prototipo che mira a ridefinire l’esperienza del cocktail a casa propria.

Concepito e sviluppato dal BIG, una start-up interna al Gruppo dedicata all’innovazione “breakthrough”, il Progetto Gutenberg rivoluziona il concetto del ‘bar a casa’. Sarà come avere nel proprio salotto una biblioteca dal design ricercato, realizzata con dei libri “speciali”: ogni volume infatti è un contenitore di bevande alcoliche differenti, connesso ad una piattaforma digitale con una serie di ricette memorizzate. Si tratta di un sistema automatico per realizzare drink a casa: si sceglie il cocktail da preparare, l’applicazione guida l’utente nella miscelazione con le giuste dosi ed il gioco è fatto. Creare e inventare cocktail per gli amici sarà ancora più divertente.

Logo Pernod Ricard

Logo Pernod Ricard

Tra i servizi disponibili anche una serie completa di mixology tutorial (ricette per preparare i cocktail, offerte personalizzate, ecc). E c’è di più: l’applicazione rileva la quantità di liquido nel contenitore, quando sta per finire attiva automaticamente l’ordine e la consegna del nuovo volume avviene a domicilio.

Il Progetto Gutenberg ridefinisce la cultura del cocktail, rendendola un’esperienza più accessibile e ricca.

“Con il Progetto Gutenberg, ci impegniamo al massimo nel ridefinire la convivialità del futuro: un’esperienza vissuta in condivisione, divertente, personalizzata e responsabile. Al momento siamo ad un primo stadio del progetto ma il potenziale racchiuso nei prodotti dedicati, nei servizi, nelle offerte e nelle esperienze personalizzate è infinito,” dichiara Alain Dufossé, Managing Director di BIG.

Il Progetto Gutenberg è una tra le centinaia di innovazioni presentate da Pernod Ricard in occasione dell’Innovation Day 2014, di cui il tema centrale è stato “La convivialità del futuro”. Il Gruppo francese è da sempre particolarmente attento all’innovazione, attualmente sono più di 350 i progetti in fase di sviluppo, che incidono per circa il 25% sul totale delle crescite organiche delle vendite.

“Comprendere, sviluppare e immaginare la convivialità del domani – questo è il nostro obiettivo” ha affermato Pierre Pringuet, CEO di Pernod Ricard. “La convivialità del futuro è una convivialità connessa: mobile, istantanea, che cresce a livello esponenziale, che deve principalmente la sua diffusione nella rivoluzione digitale. Non abbiamo mai avuto così tanti amici digitali. Ma essenzialmente, questa  convivialità deve facilitare la condivisione e creare lo spazio per nuove occasioni di consumo.”

Informazioni su Pernod Ricard

Pernod Ricard, quotato alla borsa di Parigi, è nato dalla fusione delle società Pernod e Ricard avvenuta nel 1975.  Impiega oltre 18.000 persone in 80 filiali nel mondo e possiede 113 siti produttivi. Il Gruppo produce e distribuisce 93 milioni di casse da 9 litri di spirits e 29 milioni di casse da 9 litri di vini. Fanno parte del Gruppo i marchi Ramazzotti, Havana Club, Absolut Vodka, Chivas Regal, Wyborowa, Ballantine’s, The Glenlivet, Jameson, Ricard, Malibu, Martell, Beefeater, Kahlúa, Jacob’s Creek, Montana, G.H. Mumm, Perrier-Jouët.

Pernod Ricard Italia è il risultato dell’evoluzione e trasformazione delle Distillerie Fratelli Ramazzotti, un’azienda fondata nel 1815 e cresciuta costantemente fino a diventare leader sul mercato italiano. Con circa 121 dipendenti e 60 agenti, Pernod Ricard Italia ha un fatturato totale di circa 230 milioni di euro di cui 36 derivano dal fatturato estero.

Redazione Newsfood.com

Leggi Anche
Scrivi un commento