Il CDM impugna Legge Regione Lombardia sul trasporto aereo

Il Consiglio dei ministri ha deciso all’unanimità di impugnare alcune norme della legge 29/2007 della regione Lombardia sul trasporto aereo, la legge interviene in una materia nella
quale il Titolo V della Costituzione prevede la competenza concorrente tra Stato e Regione.

La competenza regionale, però, secondo il principio ormai consolidato dalla Corte costituzionale, non può intaccare esigenze unitarie di carattere nazionale. Tali esigenze
unitarie si riscontrano, in particolare, in tutte le vicende amministrative relative alle grandi infrastrutture che rivestono un ruolo strategico, sia nazionale che internazionale.

Le norme impugnate (in particolare sulla definizione degli slot, sul potere sanzionatorio e sulle concessioni aeroportuali) appaiono quindi illegittime poiché contrastano con la vigente
disciplina nazionale (Codice della Navigazione) e appaiono non in linea con la normativa comunitaria. L’auspicio del governo, secondo la prassi seguita sin dall’inizio della legislatura dal
Dipartimento degli Affari regionali e Autonomie locali, è che si possa presto raggiungere un accordo con la regione Lombardia per una modifica concordata delle norme in questione
evitando così il giudizio della Corte.

Leggi Anche
Scrivi un commento