FIM: «Sulla riorganizzazione garanzie anche da Finmeccanica e governo»

Il 26 maggio 2008 si è tenuto un ulteriore incontro tra l’Azienda e i sindacati sulla ristrutturazione di Alenia Aeronavali.

L’azienda ha illustrato l’andamento degli incontri territoriali in cui sono stati affrontati nel dettaglio i problemi dei singoli siti industriali: Venezia, Brindisi, Capodichino (Napoli) e
Pratica di Mare (Roma). Ha quindi riconfermato che la riorganizzazione di Alenia Aeronavali avverrà attraverso la costituzione di un sito di Alenia Aeronautica a Capodichino, di un sito
di Alenia Aeronautica a Brindisi e una ripartizione su Venezia di attività di Agusta, superjet e sukoj, oltre alla concentrazione di tutte le attività residue di trasformazione di
Alenia Aeronavali.

«La Fim – dichiara il coordinatore nazionale Antonio Iacovino – ha ribadito la necessità di definire un accordo complessivo che dia soluzione alla vertenza garantendo l’attuale
occupazione e una prospettiva industriale certa per tutti gli attuali siti di Alenia Aeronavali. Queste garanzie dovranno essere fornite non solo da Alenia Aeronautica ma, visti i diversi
soggetti coinvolti, anche da Finmeccanica. Inoltre, in considerazione della dimensione e della delicatezza della vertenza, sarà neccessaria una garanzia istituzionale da parte del
governo. Queste – conclude Iacovino – sono le condizioni che come Fim poniamo per una positiva conclusione della vertenza e su questa posizione realizzeremo il massimo coinvolgimento di tutti i
lavoratori.

Leggi Anche
Scrivi un commento