Cremona: divieti invernali di spandimenti di fertilizzanti azotati

Cremona – Il Settore Agricoltura della Provincia ricorda che la Giunta regionale, con delibera del 2 agosto scorso, nel quadro del programma di azione per la tutela e risanamento delle
acque dall’inquinamento causato da nitrati di origine agricola, ha definito il periodo nel quale, durante la stagione invernale, è vietata l’utilizzazione agronomica di letami, liquami,
concimi azotati di origine organica, ammendanti organici, fanghi, fertilizzanti azotati diversi da effluenti zootecnici.

Le aziende agricole sono sottoposte a norme diverse sugli spandimenti a seconda che si trovino in zona vulnerabile oppure no. Ecco i divieti stabiliti dalla Regione Lombardia:

ZONA VULNERABILE
? è vietato l’uso di letami, concimi azotati, ammendanti organici, fertilizzanti azotati diversi da effluenti zootecnici dal 1 dicembre al 28 febbraio;
? è vietato l’uso di liquami e fanghi dal 1 novembre al 28 febbraio. Nei terreni con prati, cereali autunno-vernini, colture ortive, arboree, inerbimento permanente il divieto ha la
durata di 90 giorni.

ZONA NON VULNERABILE
? è vietato l’uso di liquami, letami, concimi azotati, ammendanti organici, fertilizzanti azotati diversi da effluenti zootecnici dal 1 dicembre al 28
febbraio;
è vietato l’uso di fanghi dal 1 novembre al 28 febbraio. Nei terreni con prati, cereali autunno-vernini, colture ortive, arboree, inerbimento permanente il divieto ha la durata di 90
giorni.

La Regione può derogare, autorizzando l’utilizzo agronomico in funzione dell’andamento meteorologico. A questo scopo sono predisposti appositi bollettini agrometeorologici con le
informazioni sugli eventualmente possibili periodi di spandimento. In assenza di tali bollettini restano in vigore i divieti stabiliti.

Leggi Anche
Scrivi un commento