Bellotti (AN): Non bastano le parole, servono i controlli

Non bastano dei vaghi impegni alla tutela della corretta informazione al consumatore. Ritengo che nessuno può essere contrario a una battaglia per l’etichettatura! Ciò che
tuttavia asserisco è che questo Governo non sta facendo abbastanza per difendere le merci italiane dall’infiltrazione di prodotti stranieri. E non c’è soltanto il pomodoro.

L’ultimo problema che ho sollevato è stato, per esempio, quello dell’aglio. Il problema non sono le generiche affermazioni di principio. Ciò che ci si rifiuta di fare è
predisporre una rete di controlli che permetta di bloccare l’importazione di questi prodotti. Serve un’azione puntuale e a volte più aggressiva sullo scenario internazionale e nelle sedi
comunitarie. Il ministro Alemanno ha sempre difeso autorevolmente l’agricoltura italiana. Le vere chiacchiere sono i vaghi richiami ai principi e la difesa per partito preso di questo Esecutivo
inerte.

Leggi Anche
Scrivi un commento