Aziende agricole: Pagamento dei contributi Inps con le sovvenzioni comunitarie

D: L’azienda agricola può saldare i debiti contributivi attraverso la compensazione con le sovvenzioni ad essa riconosciute dalla Comunità europea? Quali debiti possono essere
compensati?

R: La procedura è consentita dalla legge n. 46 del 2007 ed a tale riguardo l’INPS con il Messaggio del 13 dicembre 2007, n. 30081 ha ricordato di aver stipulato apposita convenzione con
l’Agenzia per le erogazioni in agricoltura (AGEA) per consentire alle aziende debitrici di estinguere totalmente o parzialmente i propri debiti verso l’INPS.
Possono essere compensati i debiti in fase amministrativa o iscritti a ruolo delle aziende agricole con dipendenti, dei piccoli coloni e compartecipanti familiari, delle aziende autonome se
hanno manodopera. Si tratta di crediti INPS, maturati per prestazioni lavorative rese a partire dal 1° gennaio 2006, per le quali è scaduta la data di pagamento dei relativi
contributi.

L’INPS deve fornire ad AGEA le informazioni riguardanti i singoli crediti dei soggetti che hanno gli aiuti comunitari. AGEA attiva la procedura di compensazione e notifica agli interessati, con
apposita comunicazione, l’importo spettante per aiuto comunitario, l’importo compensato con i debiti INPS e l’eventuale importo residuo in pagamento.
Con lettera l’Inps avvertirà gli interessati comunicando loro la partita, allegando prospetto illustrativo della situazione con la indicazione della eventuale iscrizione a ruolo.
Attenzione però: il debito compensato deve risultare corretto: se così non fosse, il debitore deve prendere contatto con gli uffici o segnalare il problema al numero verde
gratuito 803.164 per i successivi adempimenti.

Leggi Anche
Scrivi un commento